Agevolazioni e Incentivi

Detrazioni fiscali per apparecchi domestici a biomassa [aggiornamento 2021]

Come risparmiare scegliendo i nostri prodotti a legna o pellet

Rientra nelle agevolazione la nostra intera gamma di camini Revolution 2.0 e Compact, sia nelle versioni a legna che ibridi (legna/pellet)
Disciplinata dall’art. 16-bis del dpr 917/86 prevede una detrazione del 50% in dieci anni sulla spesa effettuata anche per l’acquisto di una stufa, o un camino a legna o a pellet aventi un rendimento superiore al 70%, in quanto trattasi di interventi effettuati per il conseguimento di risparmi energetici (impianti basati sull’impiego delle fonti di energia rinnovabile).
Per beneficiare della detrazione è necessario:

  1. effettuare il pagamento tramite bonifico bancario/postale PER RISTRUTTURAZIONE, riportante la causale del versamento, il codice fiscale del soggetto che paga e la partita iva/codice fiscale del beneficiario del pagamento
  2. effettuare la registrazione sul portale ENEA, entro 90gg dalla fine dei lavori/collaudo ed inviare una serie di informazioni sull’intervento effettuato.
    maggiori informazioni: detrazionifiscali·enea·it/bonuscasa

    la procedura online richiede di dichiarare la potenza al focolare del prodotto, un valore che normalmente non è riportato nelle schede tecniche né sulla documentazione del prodotto. Per calcolarlo potete usare questa semplice formula: Potenza al focolare = Potenza Nominale x 100 : Rendimento (al max)

Per maggiori informazioni su procedure e documenti da presentare per ottenere l’agevolazione: Agenzia delle Entrate.

Rientrano nelle agevolazioni tutti i camini della serie Revolution Green e Revolution Pro, sia nella versione a legna che ibrida (legna/pellet).
Disciplinata dalla legge 296/2006 prevede una detrazione del 50% in dieci anni sulla spesa effettuata per l’acquisto di una stufa o un camino, legna o pellet, aventi un rendimento superiore all’ 85%
Per beneficiare della detrazione è necessario:

  1. effettuare il pagamento tramite bonifico bancario/postale PER RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA, riportante la causale del versamento, il codice fiscale del soggetto che paga, il codice fiscale/partita iva del beneficiario del pagamento
  2. La certificazione ambientale 4 stelle del camino/stufa
  3. L’asseverazione da parte di un tecnico abilitato
  4. La registrazione sul portale ENEA entro 90gg dalla fine dei lavori/collaudo,
    per saperne di più detrazionifiscali·enea·it/ecobonus

Per maggiori informazioni su procedure e documenti da presentare per ottenere l’agevolazione, visitate il sito Agenzia delle Entrate.

L’agevolazione fiscale consiste in detrazioni dall’imposta lorda ed è concessa quando si eseguono interventi che aumentano il livello di efficienza energetica degli edifici esistenti o interventi antisismici. Se stai effettuando degli interventi trainanti, per es. cappotto termico, in abbinamento l’installazione di un generatore a biomassa legnoso ottiene la detrazione al 110%, in quanto trattasi di intervento detto trainato.
Requisiti necessari per beneficiare della detrazione:

  • il importante è il doppio salto della performance energetica dell’edificio, un risultato difficile da raggiungere con uno soltanto degli interventi trainanti.
  • se l’installazione di un generatore a biomassa è un intervento trainato requisito fondamentale per i generatori a biomassa è la certificazione ambientale 4 stelle. Rientrano nelle agevolazioni tutti i camini della serie Revolution Green e Revolution Pro, sia nelle versioni a legna che ibridi (legna/pellet)

Per saperne di più: introduzione al superbonus

La legge 23/12/1999 n.488 art. 7 comma 1 lett. B, ha introdotto l’aliquota agevolata del 10% sulle prestazioni e interventi di recupero del patrimonio edilizio di cui all’art. 31 1° comma lett. a), b) (manutenzione ordinaria e straordinaria), salvo per alcuni beni significativi individuati dal D.M. 29/12/1999 (fra cui le caldaie). Tale previsione è diventata a tempo illimitato con Legge 23/12/2009 n. 191 art. 2 comma 11.
Risulta chiaro pertanto che sulle cessioni con posa in opera di caminetti e/o stufe si applica l’aliquota IVA del 10% sul valore della prestazione, degli accessori e sul valore del bene pari al valore della prestazione e degli accessori stessi.

ESEMPIO – Costo totale dell’intervento 5.300 euro, di cui:

  1. 2.300 euro, per prestazione lavorativa
  2. 3.000 euro, costo dei beni significativi, per esempio camino.
    Su questi 3.000 euro di beni significativi, l’Iva al 10% si applica solo su 2.300 euro, cioè sulla differenza tra l’importo complessivo dell’intervento e quello degli stessi beni significativi (5.300 – 3.000 = 2.300). Sul valore residuo (700 euro) si applica l’iva nella misura ordinaria del 22%.
aliquote iva applicabili alle cessioni di caminetti e stufe
Fabbricati a prevalente destinazione abitativa privata. Manutenzione ordinaria e straordinaria di cui alle lettere a), b) art. 31, legge 457/78 Restauro e risanamento conservativo e interventi di ristrutturazione edilizia e di ristrutturazione urbanistica di cui alle lettere c), d), e) art. 31 legge 457/78 Costruzione di una abitazione non di lusso
Cessioni di beni finiti con posa in opera 10% (con la limitazione di alcuni beni significativi) 10% 4%
Cessioni di beni finiti senza posa in opera 22%

Il Conto Termico 2.0 è un un incentivo erogato dal GSE (Gestore Servizi Energetici) e prevede un contributo in denaro per l’acquisto di stufe, termocamini e caldaie a biomassa che rispondano a particolari requisiti e che siano installate in sostituzione di impianti di riscaldamento esistenti, fino al 65% delle spese sostenute per realizzare l’intervento. ​
Il contributo varia in funzione della potenza nominale dell’impianto, delle emissioni di polveri in atmosfera rilasciate dall’impianto e della zona climatica di installazione del prodotto, e viene erogato entro 90 giorni per importi inferiori ai 5.000 euro, oppure in due soluzioni (la prima entro i 90 giorni e la seconda nell’anno successivo) per gli importi superiori ai 5.000 euro.

Per maggiori informazioni, la nostra pagina dedicata al Conto Termico.